Home / Immigrati / L’APPELLO DI MATTARELLA: “SUPERARE PREGIUDIZI E XENOFOBIE PER FAVORIRE L’INTEGRAZIONE”

L’APPELLO DI MATTARELLA: “SUPERARE PREGIUDIZI E XENOFOBIE PER FAVORIRE L’INTEGRAZIONE”

SALVINI LAPIDARIO SULLA GIORNATA INTERNAZIONALE DEI ROM: “UNA FESTA SE RUBASSERO MENO”

L’8 aprile si celebra la Giornata internazionale del popolo rom e sinto.

Dalla Fondazione Migrantes alla comunità Sant’Egidio hanno tutti chiesto alla politica italiana un maggiore impegno per favorire l’integrazione dei nomadi. Prima del Regina Coeli, in piazza San Pietro, papa Francesco ha invitato a “favorire la cultura dell’incontro” e a evitare qualsiasi tipo di discriminazione.

Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rivolto il suo augurio “a tutte le persone che hanno radici nella cultura millenaria di questi popoli antichi, e che ne condividono, oggi, i problemi, le difficoltà, le speranze”. Durissimo, invece, Matteo Salvini. Che su Facebook ha scandito: “Se rubassero meno, sarebbe davvero festa”.

La Giornata internazionale del popolo rom e sinto è stata celebrata in primis da Mattarella. “Ricorrenza del primo storico Congresso mondiale del popolo rom, che si tenne a Londra nel 1971, questo giorno – ha scritto il capo dello Stato in una nota – sottolinea il valore della memoria, linfa preziosa per tenere viva l’identità e la coscienza collettiva, nella partecipazione positiva allo sviluppo delle realtà in cui le famiglie e le comunità rom sono oggi inserite”.

Il presidente della Repubblica ha ricordato il Porrajmos, l’olocausto dei rom che ha definito “tributo di sangue spaventoso per i numeri e per le sofferenze che la ferocia nazista impose a giovani e anziani, a donne e bambini”“Questa tragedia appartiene a pieno titolo alla comune storia europea e costituisce appello ulteriore alla responsabilità per superare pregiudizi, arbitrarie generalizzazioni e diffidenze residue che alimentano discriminazioni, xenofobie, ostilità – ha continuato – le convenzioni internazionali sottoscritte dal nostro Paese, a partire da quella relativa allo statuto delle persone apolidi del 1954, a quella relativa alla riduzione della apolidia del 1961, impegnano l’Italia a favore della inclusione di persone e culture, per assicurare pari opportunità nell’esercizio dei diritti, compresi quelli economici e sociali”. Per Mattarella, infine, “la strada dell’integrazione, nel rispetto della libertà di espressione di ciascuna cultura”, deve essere “il punto di forza della comune vicenda europea”.

Anche papa Francesco ha ricordato i rom e i sinti prima di recitare il Regina Coeli in piazza San Pietro. “Auguro – ha scandito il Santo Padre – pace e fratellanza ai membri di questi antichi popoli, e auspico che la giornata odierna favorisca la cultura dell’incontro, con la buona volontà di conoscersi e rispettarsi reciprocamente – ha continuato Bergoglio – è questa la strada che porta a una vera integrazione”.

A questo coro di appelli non si è accodato Salvini. Che su Facebook ha commentato: Oggi è la giornata internazionale di Rom, Sinti e Caminanti. Se molti di loro lavorassero di più e rubassero di meno, se molti di loro mandassero i figli a scuola invece di educarli al furto, sarebbe davvero una festa”.

Fonte: qui

Check Also

“Inutile fare riprodurre gli italiani. Ci servono gli immigrati”. Lo spiega un manager

Roma – Nel giornalismo ci sono quelle che si chiamano in gergo “marchette”, pubblicità gratuita fornita …

Lascia un commento